Via dei Mille, 1 80121 Napoli (NA) Italy / Via Bergamo, 6 20135 Milano (MI) Italy

Giffoni e Telefono Azzurro

Noi “Non stiamo zitti”: Giffoni e Telefono Azzurro insieme contro il cyber bullismo

Se il bullismo si nutre di silenzio, non stiamo zitti: noi cantiamo! Dai anche tu voce alla tua determinazione e smonta il bullismo”. È il messaggio della campagna contro il bullismo e il cyberbullismo che Telefono Azzurro porta a Giffoni, presentando in anteprima il videoclip “Non stiamo Zitti” scritto e diretto da Jacopo Gubitosi e prodotto da Giffoni Innovation Hub con una testimonial d’eccezione: la cantante e conduttrice Lodovica Comello. Obiettivo: sensibilizzare i giovanissimi, spingerli a denunciare, a fare rete e a sapersi difendere contro la violenza dei bulli intenzionale e prevaricatoria che spesso lascia un segno indelebile fin dall’infanzia, mettendo a serio rischio l’equilibrio psicofisico e sociale delle vittime. “I giovani possono fermare il bullismo – sostiene Ernesto Caffopresidente di Telefono Azzurro – noi puntiamo tutto su di loro e sul loro protagonismo, formando chi resta in silenzio affinché facciano la loro parte. Sbaglia chi pensa che la soluzione passi dalla colpevolizzazione del bullo”. Educare quindi i ragazzi, fornire loro strumenti di comprensione non solo del mondo reale ma soprattutto dell’universo virtuale, oggi contesto di riferimento cruciale per la crescita sociale e identitaria dei ragazzi.

Giffoni Innovation Hub – spiega Orazio Maria Di Martino, COO di Giffoni Innovation Hub – fa della formazione dei Millennial all’innovazione e all’utilizzo responsabile delle tecnologie la sua principale missione: insegniamo ai giovani a trasformare i sogni creativi in realtà, a soddisfare le ambizioni avvicinandoli alle sfide più innovative e avveniristiche dell’attualità. Ma siamo anche particolarmente attenti a guidarli tra le tante minacce che la stessa innovazione può celare, soprattutto durante le delicate fasi di sviluppo e definizione della personalità: ci occupiamo di giovani innovatori perché diventino adulti abili a cogliere opportunità e a fronteggiare i pericoli. Per questa ragione Giffoni Innovation Hub è al fianco di Telefono Azzurro in questo progetto proposto in anteprima durante la rassegna di innovazione Next Generation“.

Ernesto Caffo, Lodovica Comello e Jacopo Gubitosi insieme agli attori del corto “NonStiamoZitti”
Ernesto Caffo, Lodovica Comello e Jacopo Gubitosi insieme agli attori del corto “NonStiamoZitti”

La storia del corto NonStiamoZitti è incentrata in una scuola di provincia, dove Chiara una ragazza di 14 anni, vittima dei bulli, si chiude in sé, sta male, è triste e demotivata. Quando la scuola è in chiusura, il preside organizza una serata di ludica, dove ciascuno può dimostrare il suo talento, musicale o artistico. Chiara sale sul palco, ha il timore di non piacere al pubblico, ma soprattutto al gruppo di bulli, seduti in seconda fila. Sul palco, così crolla emotivamente, immaginando tutto ciò che potrebbe accadere. Riapre gli occhi, capisce che è tutto frutto della sua immaginazione, ed inizia la sua performance, a dare rafforzo, sul ritornello, entra la Comello, che in quel momento non è vista come un talent e quindi un testimonial del video, ma rappresenta il sostegno di Telefono Azzurro e degli amici che riescono a fare gruppo contro la violenza e a favore dei ragazzi in difficoltà. Telefono Azzurro come ente accreditato dal Ministero dell’Istruzione, tramite il progetto Educazione, propone a Giffoni anche laboratori interattivi e giochi di ruolo aperti a tutti bambini e ragazzi su tematiche come la multiculturalità, la sicurezza in rete, il mondo digitale, cyberbullismo e bullismo. E un nuovo strumento social fotografico digitale, come il Photo Booth, ad accogliere i ragazzi per scatti originali nel segno dei contenuti di #NonStiamoZitti.

Leave a comment